Informativa estesa sui Cookie: questo sito fa uso di Cookie tecnici e di terze parti, non fa uso di Cookie di profilazione.

ACCETTO LEGGI

Smaltimento batterie, pile, accumulatori

Malgrado nel linguaggio comune i termini batteria e accumulatore di energia vengano in genere usati indistintamente come fossero sinonimi, al fine del loro smaltimento o recupero diventa invece importante saperli distinguere e conoscerne il significato:

Accumulatore: l´accumulatore è un generatore elettrochimico di tipo secondario, cioè ricaricabile e si differenzia dalla pila che invece è un generatore non ricaricabile e quindi di tipo primario.
Batteria: la batteria è un componente in serie dei generatori e quindi anche dell´accumulatore, che ha la funzione di trasferire energia elettrica, rendendo disponibile il funzionamento di apparecchi non collegati alla rete di distribuzione dell´energia.

Capire bene la tipologia a cui appartengono batterie e accumulatori esausti ha una valenza importante, allo scopo poi di identificare la specifica metodologia di trattamento a cui sottoporli, che viene stabilita in base ai componenti, ai materiali di cui sono costituiti, agli elementi chimici ed ai fluidi presenti. Infatti, sia le pile, che le batterie e gli accumulatori sono altamente inquinanti per la presenza di metalli pesanti, tra cui mercurio, manganese, litio, cromo, cadmio, piombo e zinco e, come previsto dal D.Lgs. 188 del 2008, non possono essere gettati né nelle discariche o negli inceneritori, né tantomeno nell´ambiente, ma devono essere sottoposti a specifici processi finalizzati al loro riciclo.

A questo proposito, la normativa distingue gli accumulatori portatili e le batterie ricaricabili in quattro categorie, in base ai metalli o componenti di cui sono composti:

  • Nichel-cadmio: utilizzato in molti apparecchi elettrici anche domestici e in quelli ad elevato consumo di energia.
  • Nichel-idruro metallico: presente nelle videocamere, negli apparecchi radio, telefoni cordless e cellulari.
  • Ioni di litio: il loro uso va dai cellulari ai notebook, alle fotocamere digitali, laptop, telefoni di ultima generazione, computer portatili e in genere tutti i dispositivi portatili ad alta tecnologia.
  • Piombo adoperato nell´impianto elettrico di motocicli, automobili e camion.

Smaltimento batterie pile accumulatori
RACCOLTA DIFFERENZIATA PILE ESAUSTE

Smaltimento batterie pile accumulatori
BATTERIE ESAUSTE PRONTE PER IL RECUPERO

Smaltimento batterie pile accumulatori
NUOVA VITA AI MATERIALI RICICLATI

Smaltimento e recupero di batterie ed accumulatori esausti

La corretta procedura per il riciclo di queste fonti ricaricabili di energia elettrica prevede quattro fasi:

  • Raccolta differenziata: comincia in ufficio e termina presso idonei punti di raccolta, organizzati e supervisionati dal CDCNPA (Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori).
  • Selezione: questa fase prevede la prelavorazione del rifiuto, che a sua volta consiste nella suddivisione in base alla tipologia e nella separazione dei materiali che compongono batterie ed accumulatori, prima di essere avviati agli impianti di trattamento e recupero.
  • Trattamento: deve avvenire in siti autorizzati dotati di superfici impermeabili e coperture resistenti, per evitare la dispersione nell´ambiente e nel sottosuolo delle sostanze nocive contenute. Durante il trattamento si provvede a rimuovere tutti i fluidi e gli acidi, a macinare i materiali, a separare il ferro per via magnetica, ad estrarre cadmio, zinco, mercurio e manganese attraverso un particolare processo metallurgico, a raccogliere il piombo per mezzo della fusione e a raffinarlo per eliminarne le impurità.
  • Recupero: le componenti recuperate possono essere avviate al loro riutilizzo. Alla plastica e al piombo, che conserva le stesse caratteristiche del minerale originario, può essere data nuova vita impiegandoli per la realizzazione di batterie, rivestimenti di cavi elettrici, apparecchi radiologici o nell’industria edile. La plastica, poi, può diventare polipropilene ed essere riciclata anche nella produzione di isolanti elettrici, tubature, imballaggi, prodotti casalinghi e sanitari.

SCEGLI LA QUALITÀ

Autorizzazioni proprie, attrezzature all´avanguardia, cura del cliente.
Il miglior servizio a prezzi competitivi.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Clicca qui

Come viene svolto il servizio di smaltimento delle batterie, pile ed accumulatori

Ritiro del materiale esausto

Il ritiro delle batterie o accumulatori esausti viene concordato preventivamente insieme al nostro cliente, sulla base della effettiva produzione. È comunque possibile effettuare dei ritiri "a chiamata" qualora ce ne fosse l´esigenza.
Il nostro personale incaricato provvederà al ritiro del materiale esausto, precedentemente stoccato tramite idonei contenitori forniti, al suo imballo ed al trasporto presso discarica autorizzata allo smaltimento o recupero di rifiuti pericolosi.

Compilazione e rilascio documentazione obbligatoria

Per ciascun intervento di smaltimento pile e batterie è prevista la predisposizione della documentazione, come richiesto dalla normativa vigente:
- predisposizione del modulo Formulario Idetificazione Rifiuti (F.I.R.)
- predisposizioe della scheda di sicurezza dei rifiuti
- predisposizione della scheda SISTRI per rifiuti pericolosi
- rilascio della documentazione ambientale obbligatoria.
Tutta la documentazione menzionata verrà rilasciata come attestazione dell´avvenuto smaltimento dei rifiuti a norma di legge.

Condizioni economiche del servizio

Il costo del servizio di smaltimento di batterie e accumulatori viene stabilito in base alla frequenza di raccolta.
È possibile sottoscrivere diversi tipi di abbonamento che prevedono una frequenza di raccolta prestabilita: mensile, trimestrale, semestrale o annuale.
In alternativa è possibile usufruire del servizio "a chiamata".
In entrambi i casi è prevista la fornitura dei contenitori in forma gratuita.

Attrezzature utilizzate per lo stoccaggio e lo smaltimento di batterie ed accumulatori

Per lo svolgimento del servizio vengono forniti appositi contenitori a norma, che impediranno la fuoriuscita degli acidi e delle sostanze pericolose dalle batterie e dagli accumulatori.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Clicca qui