Informativa estesa sui Cookie: questo sito fa uso di Cookie tecnici e di terze parti, non fa uso di Cookie di profilazione.

ACCETTO LEGGI

Smaltimento toner esausti e cartucce stampanti

I toner e le cartucce delle stampanti esauste vengono classificati dalla normativa attualmente in vigore come rifiuti speciali (pericolosi e non pericolosi) - Dlgs 152/2006 - e le aziende hanno l´obbligo di raccoglierli e avviarli ai corretti processi di recupero e smaltimento secondo la procedura prevista per legge.

Gettarli insieme agli altri rifiuti solidi, significherebbe destinarli alla discarica, anzichè alla loro rigenerazione o agli impianti specializzati, e trasformarli in una fonte di inquinamento ambientale e di potenziale rischio per la salute umana. Infatti, alcuni componenti di toner e cartucce sono considerati cancerogeni e tossici, come ad esempio il colorante nero e le polveri sottili di inchiostro contenute, o alcuni elementi chimici come mercurio, piombo, titanio, cobalto, nichel, cadmio e cromo.

Il contatto con queste sostanze può favorire lo sviluppo di tumori, causare allergie, problemi alle vie respiratorie, irritazione ed eruzioni cutanee.

Smaltimento toner esausti cartucce stampanti
ECO-BOX PER TONER E CARTUCCE ESAUSTE

Smaltimento toner esausti cartucce stampanti
RICICLO TONER ESAUSTI

Smaltimento toner esausti cartucce stampanti
RICICLO CARTUCCE ESAUSTE

Recupero e smaltimento toner e cartucce esausti

Quando cartucce di stampanti, toner, vaschette, inkjet, nastri e tamburi per fotocopiatrici giungono alla fine del loro ciclo di vita perchè esausti, divengono rifiuti derivanti dai processi di stampa, i quali contengono metalli, plastica, residui d´inchiostro e quindi vanno trattati secondo la seguente procedura:

  • Raccolta differenziata Toner e cartucce esausti vanno raccolti nel luogo in cui sono prodotti tramite gli eco-box, speciali contenitori ecologici che impediscono la fuoriuscita dei liquidi e la dispersione delle polveri, dotati di coperchio e di appositi sigilli. Qui possono rimanere temporaneamente in deposito, al massimo per un anno, e poi necessariamente occorre procedere al loro smaltimento o recupero.
  • Affidamento a soggetti autorizzati: a tutte le fasi successive alla corretta raccolta possono provvedere solo operatori specializzati ed autorizzati che si occuperanno del corretto imballaggi, della corretta etichettatura se prevista, del trasporto e conferimento presso un impianto autorizzato che si occuperà delle fasi finali e conclusive della vita del rifiuto.
  • Recupero  Toner e cartucce esausti possono essere sottoposti a due modalità di recupero: la rigenerazione e il riciclo.
    • Rigenerazione: Questo processo riguarda solo le cartucce e i toner rigenerabili, di cui a monte viene verificata l´idoneità ad essere riadoperati, per poi venire smontati, puliti e divisi in base ai componenti.
      Avverrà il recupero delle parti meccaniche e di quelle soggette ad usura non ancora consumate, mentre saranno sostituite da nuovi componenti le parti troppo deteriorate.
      A questo punto, i componenti idonei vengono inseriti in una nuova filiera di produzione, pronti per essere di nuovo assemblati, riempiti di inchiostro o di polvere di inchiostro, ed essere reimmessi sul mercato.
    • Riciclo:  A questa fase giungeranno tutti quei toner e cartucce esauste che non possono essere rigenerati e che, con il processo detto closed-loop recycling, verranno innanzitutto sottoposti a frantumazione, per poi essere soggetti alla divisione dei materiali in plastica, schiuma, metalli e resti di inchiostro.
      La fase successiva prevede che questi materiali riciclabili vengano lavorati per essere trasformati in materie prime, pronte per diventare prodotti del tutto diversi.
      Tramite il processo chiamato open-loop recycling, dal contenitore di plastica di toner e cartucce si ottiene polietilene che poi diventerà materiale da riempimento, fibre o parti di macchinari.
      I residui materiali che non potranno essere riciclati, verranno immessi nei termovalorizzatori e destinati alla produzione di energia elettrica.

SCEGLI LA QUALITÀ

Autorizzazioni proprie, attrezzature all´avanguardia, cura del cliente.
Il miglior servizio a prezzi competitivi.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Clicca qui

Come viene svolto il servizio di smaltimento toner e cartucce esausti

Viste le particolari caratteristiche e l´importanza che riveste per l´ambiente la corretta gestione del trattamento di questa specifica categoria di rifiuti, la Ecof Italia ha messo a punto una procedura a norma di legge che prevede i seguenti passaggi:

Raccolta ed imballaggio dei toner e delle cartucce da smaltire

Vi consegneremo i contenitori da adibire alla raccolta che, dietro richiesta o con cadenza prestabilita, provvederemo a ritirare. Il nostro personale incaricato si occuperà della raccolta dei toner e delle cartucce da smaltire, provvedendo al loro imballo ed all´apposizione della etichettatura, come richiesto dalla legge.

Compilazione documentazione obbligatoria

Per ciascun intervento di smaltimento di toner e cartucce è prevista la predisposizione della relativa documentazione richiesta dalla normativa vigente:
- predisposizione del modulo Formulario Idetificazione Rifiuti (F.I.R.)
- predisposizioe della scheda di sicurezza dei rifiuti
- predisposizione della scheda SISTRI
- rilascio della documentazione ambientale obbligatoria.
Tutta la documentazione menzionata verrà rilasciata come attestazione dell´avvenuto smaltimento dei rifiuti a norma di legge.

Condizioni economiche del servizio

Il costo del servizio è sempre direttamente proporzionale ai quantitativi di rifiuti effettivamente prodotti avviati a smaltimento o recupero.

Contenitori utilizzati per il deposito temporanea di toner esausti e cartucce per stampanti

Per lo stoccaggio di toner e cartucce esausti viene fornito un contenitore con una capacità di 90 litri, con tappo chiuso e sacco ad alta densità per contenere le cartucce anche negli ambienti di lavoro.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Clicca qui